Mi sono accorta che spesso non sono brava con le parole, o meglio spesso vorrei dire qualcosa ne sono certa sicura pronta, ma poi mi faccio prendere da chissà che cosa e dico tutt’altro di quello che penso. Forse spesso è una forma di protezione, forse so che se dicessi “qualcosa di più” potrei rovinare le cose, ma forse servirebbe coraggio anche quando sai che le parole potrebbero ferire. Spesso mi trovo a fare discorsi lunghi dentro di me, di come vorrei cambiare le cose, di come vorrei essere e sentirmi rispettata ma poi? Poi succede che inesorabilmente resto lì in silenzio con quelle parole che non voglio uscire dalla mia bocca.

Un tempo ero piena di parole, da dire, da scrivere, da trasmettere a quella persona che riempiva le miei giornate ed i miei silenzi..sì c’era sempre qualcosa da dire…poi chissà cos’è successo ma ci sono solo pause, silenzi, timori come se quelle parole fossero finite, sfumate nel nulla. Ma com’è possibile?

E così sono diventata più razionale, forse troppo alle volte, ma ho imparato a ponderare quello che dico e penso, perchè spesso invece come un fiume in piena ho detto tutto quello che mi passava per la testa. Ora le parole le custodisco dentro di me, mi piace usarle e regalarle per le persone che mi vogliono bene, che dimostrano il loro affetto e che apprezzano quello che faccio senza esserne gelose, ma per una volta mi fanno sentire fiera di me stessa e che mi chiedono un parere.